Potete seguirmi anche su fb e twitter

domenica 8 maggio 2016

Detergente viso delicato all'avena

Buonasera a tutti!
Ormai non dedico tanto tempo allo spignatto, anche se continuo sempre a studiare! Visto che non ho tanto tempo da dedicare a questa pratica, ma non volendo assolutamente rinunciare ormai faccio le ricette collaudate in dosi massicce e sono tranquilla per mesi (del tipo 500g di balsamo per volta  XD). vorrei tanto aggiornarvi su tutti i prodotti base che faccio, spero di riuscirci nelle prossime settimane!
Oggi vi propongo una ricetta facilissima da realizzare con gli ingredienti della cucina : il detergente viso in polvere.
Nulla di più facile. L'unica cosa che dovete procurarvi è  un macina caffè per rendere la polvere finissima e omogenea.
La versione base prevede semplicemente di passare nel macina caffè i fiocchi d'avena e versare la polvere in un barattolino. Per lavare il viso delicatamente (molto adatta anche ai più piccoli, persino nel bagnetto) basta inumidire il viso e strofinarlo con la polverina. I fiocchi d'avena a contatto con l'acqua rilasceranno un pò di latte rendendo il lavaggio oltre che efficace (l'avena ha proprietà detergenti) , anche nutriente ed idratante. La pelle risulterà subito più morbida!
Se volete arricchire la ricetta potete mettere anche un pò di Ghassoul (l'argilla saponifera del Marocco con proprietà seboregolatrici e ricca di minerali), qualche fiore di camomilla o calendula e qualche seme di lino. Tutto deve essere macinato finemente, in modo da ottenere un polverina delicata. 
Anche in questo caso vi basterà passare sul viso umido. Potete anche lasciare agire la polverina qualche istante, se siete di fretta la mattina magari giusto il tempo di  lavare i denti !
A presto!
Silvia

martedì 24 marzo 2015

Salviamo le api!

Molti di voi magari lo sapranno già, ma il mondo sta affrontando un grave problema: quello della moria delle api. Le api svolgono un lavoro importantissimo per il pianeta intero, infatti impollinano non solo le piante spontanee, ma anche le nostre coltivazioni. Addirittura un terzo del cibo che mangiamo (mandorle, zucchine, colza, albicocche...) dipende dal loro lavoro. Oltre 4000 verdure nella sola Europa dipendono dalla loro presenza.Senza le api il 75% dei nostri prodotti agricoli, subirebbe una riduzione di produttività.
Sono quindi importantissime per conservare la biodiversità e per la nostra alimentazione.
Le cause della moria sono tante: cambiamenti climatici, riduzione di aree incontaminate, utilizzo dei pesticidi chimici, pratiche agricole poco sostenibili..
Come fare allora per aiutare questi piccoli ma preziosissimi insetti?
1- Sostenere e promuovere pratiche agricole sostenibili (agricoltura biologica, rotazione delle colture, mantenimento di habitat naturali intorno alle aree agricole...)
2- Non ucciderle per paura. Le api non pungono, a meno che non siano quelle che proteggono l'alveare e che quindi si trovano solo in prossimità di questo.
3-Comprare SOLO   miele prodotto in maniera biologica. Gli apicoltori infatti proteggono le api e il loro habitat e non le uccidono mai volontariamente (ecco anche un link interessante per gli amici vegani), mentre le grandi produzioni industriali le sfruttano e le uccidono.
4-Si avvicina la primavera e così anche la voglia di riempire di fiori i nostri balconi/giardini, ma perché non scegliere dei fiori oltre che belli anche utili? Ecco una lista di fiori che le nostre piccole amiche preferiscono, in modo che ovunque vadano,  trovino sempre di che nutrirsi.  
5- Se ne avete la possibilità costruite un piccolo rifugio per le api seguendo queste istruzioni
6- Nel caso si trovi un alveare i prossimità della nostra casa ad esempio, chiamare un apicoltore e non distruggere l'alveare
Ricordate che ognuno di noi, ogni piccolo nostro gesto può fare la differenza. Sempre.
Se volete ulteriori informazioni vi lascio il sito creato da  greenpeace nel 2013 qui, con i rapporti da scaricare.

Silvia

martedì 17 marzo 2015

Portatabacco da vecchi jeans

Carissimi! Come sapete amo creare cose con le mie mani e ultimamente cerco di fare anche i regali per amici e parenti creando qualcosa su misura. In questo modo risparmio soldi, mi diverto e realizzo regalini ad hoc :) Una delle creazioni natalizie è stato un portatabacco, realizzato con un pezzetto di jeans. Per le misure ho misurato la bustina del tabacco e aggiunto circa 2 cm, ma potete trovare facilmente le misure su internet. Mi dispiace non aver fotografato i vari passaggi, quindi dovrete accontentarvi dell'idea generale :)


Ho anche montato una taschina per le cartine con un'altro pezzetto di stoffa, montato una cerniera per i filtrini e aggiunto delle decorazioni.
Spero vi piaccia!
A presto
Silvia

venerdì 30 gennaio 2015

Detergente viso alla farina d'avena

Ciao a tutti! Oggi vi voglio insegnare a fare il detergente viso più facile del mondo! Questo detergente ultradelicato è alla portata di tutti, ed è  adatto anche per il bagnetto dei neonati! Di che sto parlando??? Farina! La farina contiene saponine in grado di emulsionare molto delicatamente lo sporco, senza però irritare o seccare la pelle, anzi spesso è anche molto nutriente. La farina di ceci è usata in India per lavare i capelli, io l'ho provata e i capelli erano davvero pulitissimi (ma l'odore di panella mi infastidiva un po'). La farina di ceci è una delle più ricche di saponine, proprio per questo motivo è adatta al cuoi capelluto (magari alternandola con uno shampoo a base di tensioattivi), le farine di cereali invece essendo ricche di amido forse puliscono meno, ma rendono la pelle di seta! Come preparare il detergente? Nulla di più semplice!
Io utilizzo la farina di avena, che è adatta alle pelli più delicate essendo idratante e  lenitiva. L'estratto di avena viene utilizzato nei prodotti antietà, nei doposole, nei prodotti per l'infanzia, nei prodotti per pelle con tendenza all'acne e all'iperseborrea.
Basta comprare i chicchi o i fiocchi d'avena (meglio se bio), frullarli col macina caffè sino ad ottenere una polvere finissima, filtrarla attraverso un colino a maglie fitte (va bene anche un collant o il tulle dei confetti) in modo da eliminare le parti più grossolane. Conservate la farina in un piccolo contenitore o in una bottiglietta col tappo a vite e ogni volta che lavate il viso versate una piccola quantità di polvere sulla mano, mettete una goccia d'acqua e lavate il viso con questo latte. Potete anche lasciarlo agire qualche istante per nutrire la pelle. Se volete un detergente profumato aggiungete 1 o 2 gocce di olio essenziale e mescolate bene, in modo da farlo assorbire alla polvere.
Conservazione: conviene preparare sempre piccole quantità di prodotto (30-50 g) tanto ve ne serve pochissima per lavare il viso (circa mezzo cucchiaino).Non deve mai entrare acqua nel contenitore della farina, altrimenti in 1 giorno massimo 2, il prodotto è da buttare.
Se lo usate come detergente per la pelle dei neonati, potete versarne direttamente un paio di cucchiai nell'acqua del bagnetto, in ogni caso non usate gli oli essenziali, che per i bimbi possono essere pericolosi.

Io la uso la mattina, la sera invece per rimuovere bene ogni traccia di trucco uso un detergente più "sgrassante". Provatela e avrete la pelle morbidissima! Può essere usata anche per lavare il resto del corpo senza problemi.
Silvia

giovedì 8 gennaio 2015

Non sono sparita!

Carissimi! No non sono sparita e non ho mollato né il blog, né i buoni eco-propositi. In questo periodo ho preso l'importante decisione di tornare a vivere in Sicilia. Se andiamo tutti via come facciamo a migliorare il posto in cui viviamo??
Sono stata quindi impegnatissima a lasciare la vecchia casa, fare i mille pacchi, risistemarmi nella vecchia cameretta, riverniciarla (con pitture eco-bio non vi preoccupate :P ), riadattarmi. Non ho proprio avuto il tempo di scrivere nulla! Nel frattempo però ho dedicato del tempo allo studio della cosmesi e quindi comincerò a pubblicare anche un po' di "spignatti", per usare il gergo tecnico, cercando di essere non solo eco-bio ma il più spartana possibile. A Natale ho preparato personalmente con le mie manine un po' di regali, alcuni spignattati e altri cuciti a mano. Quindi non mi sono fermata! Vi pubblicherò nei prossimi giorni tutti i vari tutorial, sperando che vi piacciano! Nel frattempo vi posto il link di due pagine fb che seguo tutti i giorni con grande interesse: uno parla di spignatti questo e uno che dà spunto per fare delle vere opere d'arte, semplicemente riciclando i volantini pubblicitari, con la tecnica delle cannucce di carta qui . Il primo che vi ho linkato è di fondamentale importanza per chi volesse fare qualche cosmetico a casa, essendo cosciente di quello che fa. A tal proposito esistono anche dei forum molto importanti quali Promiseland, il forum di Lola, Sai cosa ti spalmi, il forum di Arcadia (se volete studiare anche le proprietà delle erbe). Ricordate che se decidete di creare cosmetici, ma anche un semplice scrub corpo con gli ingredienti della cucina, bisogna sapere sempre quello che si fa, senza seguire alla lettera quello che magari leggete su un blog o vedete su youtube. Se cercate posti seri dove studiare, guardate i link e i siti che vi ho nominato, dove gente seria e preparata potrà insegnarvi non solo a preparare prodotti utili, ma soprattutto non pericolosi! Un cosmetico senza conservante ad esempio può portare gravi infezioni, un ph non regolato può anche ustionare la pelle, un prodotto fatto  male può essere totalmente inefficace e quindi uno spreco di soldi e risorse. Quindi informatevi sempre! Ci sono anche ovviamente bravi blogger , ma per poter discriminare l'uno dall'altro vi tocca studiare ;) Io nelle ricette che posterò cercherò il più possibile di essere chiara e precisa, dandovi tutte le informazioni possibili. Anche io sono alle prime armi e passo ancora intere notti e serate a studiare, ma la soddisfazione di veder realizzare i prodotti con le mie mani è davvero tanta!
Vi saluto quindi e vado a splamarmi la mia bellissima crema mani :P
Silvia

martedì 16 settembre 2014

Viaggi economici e a basso impatto ambientale con BLA BLA CAR!

Carissimi! Lo so ogni tanto sparisco, ma tra le 1000 cose da fare non riesco a mettermi un po' al pc per scrivere. Oggi volevo raccontarvi di un servizio bellissimo, che purtroppo non ho ancora avuto modo di testare: bla bla car! In cosa consiste?
Andate sul ssito, inserite la data, la  località di partenza e quella di arrivo. Si apre a quel punto un menù e potete scegliere tra tutti i possibili viaggi quello che preferite. I conducenti sono a loro volta persone registrate sul sito, che dovendo effettuare un viaggio, decidono di dividere le spese del tragitto con altre persone. Potete accedere al profilo dei conducenti, verificando anche il profilo fb, accedere alle  foto, feedback (se qualcuno non fa un viaggio piacevole, lascia un feedback negativo e il conducente avrà difficoltà a dividere ulteriori viaggi). Saprete anche con quale macchina farete il viaggio, se il conducente ascolta musica, se è chiacchierone, se si può fumare a bordo, portare animali.
Scelto il compagno di viaggio, vi registrate gratis al sito e contattate il conducente tramite il sito stesso.
A quel punto basterà presentarsi in orario nel punto di incontro concordato, consegnare il contributo spese e partire! All'arrivo, lasciate  il feedback al conducente, che a sua volta lascerà un feedback su di voi. Più feedback positivi otterrete più facilmente troverete un passaggio! E' possibile trovare liberi anche 4 posti in una stessa auto e fare un viaggio con gli amici. Pote anche dall'Italia arrivare a Parigi, Barcellona, Madrid ecc o prenotare viaggi fuori dall'Italia!

Ovviamente il servizio funziona anche al contrario: potete offrire voi stessi un passaggio, compilando la scheda presente sul sito.

Se siete delle donne e l'idea di partire da sole ( o con i figli)  con estranei vi preoccupa, c'è anche il servizio viaggio rosa, dove la condivisione è solo tra donne ed eventualmente bambini.

Contro:
-se siete i passeggeri, dovete andare all'appuntamento all'orario e nel posto concordato col conducente (non è mica un taxi!). Magari dovrete fare qualche compromesso!
-E'possibile nel giorno o all'orario che il passaggio serve a voi, non ci sia nessun conducente disponibile

Pro:
-Risparmio economico. Ad esempio pisa-livorno a 1€, Pisa- Roma a 16€, Trapani-Messina a 16€, Milano-Bari a 41€, Roma-Parigi 85€, Parigi-Versailles 6 €
-Può essere più facile raggiungere certi luoghi. Spesso con i mezzi pubblici dovete fare più fermate e certi luoghi sono sprovvisti di stazioni ferroviarie o sono comunque mal serviti.
-Risparmio di tempo: chi viaggia con i mezzi pubblici, se non fa viaggi diretti spesso deve aspettare tra un arrivo e una partenza.
-Possibilità di viaggiare in compagnia, fare nuove amicizie o semplicemente non fare lunghi tragitti in solitudine
- Vantaggioso per l'ambiente. Immaginate 5 persone, che viaggiano su 5 auto diverse. Pensate alla quantità di inquinamento prodotta da ognuna di queste macchine. Pensate alla quantità totale di benzina utilizzata per far viaggiare 5 auto diverse su quella tratta. Immaginate che riempiendo una macchina con 5 passeggeri, tramite il sito, sarà possibile ridurre fino a 5 volte questi sprechi!

Voi l'avete mai provato? Raccontatemi come è andata!
Silvia

domenica 13 luglio 2014

Cellulite cause, rimedi e cure naturali

Parliamo di un problema tutto femminile: la cellulite!
Intanto sfatiamo subito un mito: la maggior parte delle donne, anche quelle magre e in forma, anche le modelle e le donne dello spettacolo ne soffrono (spesso le foto sono ritoccate e sembrano perfette). Quindi se anche voi soffrite di cellulite, tranquille non siete sole!
 Altro mito da sfatare: la maggior parte degli uomini non ci fa neanche caso (ovviamente negli stadi iniziali).
Diciamo quindi che è un problema femminile sia perché colpisce le donne, sia perché sono le donne a farsene un problema!
La cellulite però se negli stati iniziali e più leggeri è solo un problema estetico, col tempo se trascurata può diventare dolorosa e causare una sofferenza dei tessuti. Che cos'è la cellulite?
I medici la definiscono panniculopatia edemato-fibro-sclerotica ed indica un'alterazione del tessuto sottocutaneo, caratterizzato da un'ipertrofia (ingrandimento) delle cellule adipose e il ristagno di liquidi (edema) tra le cellule. Superato il primo stadio (il semplice accumulo di liquidi), si va in contro alla formazione dei caratteristi noduli fibrotici spesso dolenti e poi ad una vera e propria sclerosi del tessuto. Un tessuto sclerotico è un tessuto povero di cellule e vasi sanguigni (ecco perché in superficie emergono i capillari), simile a quello che si forma a livello di una cicatrice ed è di conseguenza un tessuto dove si accumulano tossine e dove le cellule ricevono meno nutrimento.
Ecco perché la cellulite non è solo un problema estetico.
Le cause sono molte: ormonali, stile di vita (fumo, alcool, sedentarietà, alimentazione scorretta povera di frutta e verdura e ricca di sale e ipercalorica), postura scorretta, stress, sovrappeso, dimagrimenti troppo veloci, la familiarità.
Spesso più fattori concorrono tra loro.
Risolvere o almeno migliorare notevolmente la situazione, senza ricorrere a schifezze chimiche inquinanti, spendere montagne di soldi si può!

Ecco tutte le strategie possibili da utilizzare, ovviamente tutte in rispetto dell'ambiente e del portafogli.Ognuna di queste strategie può dare risultati, ma l'ideale è intervenire su diversi fronti contemporaneamente e perseverare!

1-Cambiate lo stile di vita: 

  • Svolgete un po' di attività fisica, basta anche salire le scale a piedi, posteggiare la macchina un isolato lontano da casa, fare una passeggiata più lunga col cane, camminare in bici, fare delle lunghe nuotate al mare. Qualche esercizio tonificante svolto a casa (non servono né pesi, né macchinari, gli esercizi a corpo libero sono perfetti e  meno dannosi) completerà l'opera.
  • Mangiate sano. Tanta frutta e verdura, se siete onnivori poca carne e solo bio (senza tutti gli ormoni e i farmaci contenuti normalmente), tanta acqua e tisane drenanti, poco caffè,  alcolici, sale e niente (o poche) sigarette.
2- Controllate la postura:
Se soffrite di dolori frequenti a schiena, ginocchia, piedi ecc potreste avere una postura alterata. Spesso in questi casi, la cellulite non è simmetrica sulle due gambe. In questo caso potreste rivolgervi ad uno specialista per un'analisi e una RIABILITAZIONE posturale. (niente gente improvvisata per favore, ma solo laureati che hanno approfondito i disordini posturali e i trattamenti riabilitativi) (Sono mica di parte??? :P)

3-Applicate in maniera costante i fanghi. La prima settimana 3 volte, per le 2 successive almeno 2 volte, poi una volta a settimana e dopo un paio di mesi continuate almeno una volta al mese.

4-Per eliminare le tossine e i liquidi in eccesso potete praticare la spazzolatura a secco. Questa è una pratica igienista che rinforza il sistema immunitario ed è utilizzata anche nel caso di allergie e malattie della pelle.La pelle è il più esteso organo escretore, quindi la sua pulizia è fondamentale per eliminare le tossine. Decongestiona il sistema linfatico, migliora la circolazione sanguigna, da sollievo a reni e fegato sovraccaricati, calma il sistema nervoso. Basta una spazzola di legno in setole naturali. Ci si spazzola sempre in direzione del cuore, quindi dai piedi verso il bacino, dalle mani verso le spalle, dal basso addome verso il petto. Bastano 10 minuti al giorno, prima della doccia. Oltre i vari benefici per la salute, la pelle sarà più tonica, compatta e luminosa. lascio 2 link interessanti qui e qui.

5- Effettuate un massaggio almeno 3 volte a settimana. Le creme piene di schifezze non servono a nulla. Quello che davvero è importante è il massaggio. Potete preparare un olio da massaggio a casa, tutto naturale che però senza un buon massaggio è praticamente inutile.Su youtube troverete tutte le tecniche di messaggio. In ogni caso si effettua dai piedi verso il bacino SEMPRE. Potete anche comprare i piccoli massaggiatori (quelli a forma di spazzola, ma con tante sferette) o le coppette per la coppettazione. Su internet vendono le coppette in silicone, molto comode e facili da usare. Vi linko il video dove viene spiegata la tecnica. Esistono vari tipi di coppette, ma per questo scopo quella in silicone va benissimo, si pulisce facilmente ed è più economica.Va sempre applicata sulla pelle unta. Se si lascia la coppetta ferma in un punto si avrà una profonda vascolarizzazione del tessuto, ma potrebbe restare un "bollino" rosso simile ad un livido che al massimo entro pochi giorni sparirebbe. 

6- Riducete lo stress. Cercate di ritagliare del tempo per voi stessi. Una pratica molto efficace per combattere lo stress è la respirazione diaframmatica. Potete anche praticare la meditazione per migliorare lo stato di salute generale. Per chi non fosse interessato alla meditazione vera a propria va benissimo il solo esercizio di respirazione.
 Non mi dilungo a spiegare la fisiologia della respirazione, vi basti sapere che la respirazione diaframmatica dovrebbe essere "la norma". Tiene a bada lo stress e migliora la funzione di tutti gli organi.  Stendetevi a pancia in su. Mettete una mano all'altezza dell'ombelico per aiutarvi le prime volte.
L'aria entra dal naso e la pancia si gonfia. L'aria esce dalla bocca, a labbra socchiuse senza forzare, e la pancia si abbassa. Respirate così per almeno 10 minuti al giorno. Ritagliatevi un posto tranquillo, usate una musica rilassante se preferite e cercate di evitare di seguire le chiacchiere mentali ma concentratevi solo sul vostro respiro.

Se sarete costanti vedrete un enorme miglioramento della vostra pelle ( e non solo) senza aver speso una fortuna e usato prodotti inutili e tossici per voi e l'ambiente. (ovviamente nei casi più "importanti" rivolgetevi a specialisti)
Silvia